martedì 4 agosto 2009

sad stories



Lauren Nassef
is a very good illustrator, I follow her blog from a lot of time and yesterday I've discovered the story of a girl (Samantha Beeston) who had stolen her works for her pattern designs, this girl has created her whole career on Lauren's works. Julia Rothman (from the great blog Book-by-its-cover) had posted a resume of this sad story. I think is important to know about it. Why somebody could do this to one of his favourite artists? Silly for somebady with a little bit of etichs.

Read about it and share.

----
Lauren Nassef è una bravissima illustratrice, seguo il suo blog da tempo e ieri ho scoperto la storia di una ragazza (Samantha Beeston) che ha rubato i suoi lavori per il design dei suoi pattern, questa ragazza ha creato la sua intera carriera sul lavoro di Lauren. Julia Rothman (del bellissimo blog Book-by-its-cover) ha postato un riassunto di questa triste storia. Penso sia importante conoscerla. Perché qualcuno dovrebbe fare questo a uno dei suoi artisti preferiti? Da pazzi per chi ha un briciolo di etica.

Leggete e condividete.

7 commenti:

Eta ha detto...

Oddio, che tristezza!
La cosa più assurda è che sarebbe stato così bello - ipotizzo - se Samantha avesse parlato con Lauren, magari le avrebbe fatto piacere e sarebbe nata una collaborazione! Invece no...
Tra parentesi, 'sta storia pare cadere a fagiulo dopo la faccenda di Ferrario con il fumetto dal romanzo di Lucia Troisi, hai presente?
Beh, almeno non succede solo nel belpaese...

:(


Baci, bella!

giulia sagramola ha detto...

Eta sono un po persa sulle news fumettistiche del nostro paese, che cosa è successo?

Beh, altro esempio l'anno scorso con il libro/copia "stile" Annalaura Cantone da parte della brava illustratrice e fumettista Deco, non so come sia finita la vicenda ma la cosa assurda era che fu pubblicato da Einauid che pubblica anche i libri di Annalaura!

O anche la povera Mais2 che ha scovato un suo disegno su delle borse stampate in Argentina!

Comunque, davvero, come dici tu, forse sarebbe potuta essere una cosa molto carina, una collaborazione ecc, invece copia, ci ha costruito tutto il suo sito, ma come credeva che con tutto il mondo connesso a internet non venisse scoperta? ingenuità? boh, Che amarezza (come dice quello dei Cesaroni).

giulia sagramola ha detto...

Eta mi sono informata sulla storia di Ferrario... beh che amarezza anche questo. Forse posso pensare che in casi come questi, soprattutto perché ai fumettisti viene richiesto molto lavoro a pochi soldi e in poco tempo, proabilmente lui l'abbia considerata anche una scorciatoia. Ma mi chiedo come si faccia a non ammettere che questo è copiare, anzi è peggio anche è puro ricalco. Ricopiare i disegni altrui è il modo migliore per imparare a disegnare, lo sanno tutti, ma sono esercizi e come tali rimangono nei cassetti di ogni disegnatore, non vengono pubblicati per Panini. Inoltre, si sa, al contrario di ricopiare un disegno, ricalcare non aiuta neanche a imparare a disegnare. Poi che faticaccia ha fatto per creare quel collage di fumetti e animazioni presi da diversi anime e manga? non faceva prima a disegnarlo di suo? MAH.

Eta ha detto...

Di quel caso che ti dico se ne è parlato perfino su La Repubblica, anche se è partito tutto dal forum di Disegno Manga. Puoi rivedere i fatti anche su questo blog (Michele Ginevra del Centro Fumetto Andrea Pazienza): http://sonoioche.blogspot.com/2009/07/al-rogo-per-plagio.html


Della storia di Deco non ne so nulla, ma appena ho tempo cerco info: non conosco Annalaura, ma Deco sì e mi piace un casino!!! :(

Non conosco neanche Mais2, ma quel caso mi stupisce di meno, solita situazione del copyright e basta... Di certo ingiusto, ci mancherebbe, ma niente di nuovo sul fronte.
Ciò che sgomenta per esempio del caso di Ferrario è che da certi professionisti ti aspetteresti... onestàdignitàblabla, non questo.

Io farei volentieri la furba stampando i tuoi disegni e dicendo che son miei... ;) Ma - a parte appunto il rischio di farsi scoprire - mmmh, cosa sentirei dentro me?

Come ho scritto altrove, dipende se pensi di fare "arte" (nel senso più carino che puoi immaginare) o "soldi con un'attività in cui sei "bravo"". A prescindere dall'etica, io come minimo so che, onestamente, io faccio arte perchè se no sto male.
Quindi... quindi tranquilla che non ti rubo i disegni!!!! :)

Bacio!

Eta ha detto...

Ups, pardon, ho letto solo ora il tuo post su Ferrario!

Beh, sono completamente d'accordo con te, che dire?! (Specie sul MAH! Ma sul serio, non faceva prima a disegnare da sè?!?! Va beh...)

Posso solo aggiungere le varie considerazioni che si rivelano interessanti perchè aprono porte sulla nostra editoria. Anzi, mentalità, direi.
I tempi stretti (sempre che stretti fossero, non sono informata a fondo...) sono un esempio.
Ma soprattutto. Ferrario non è un autore manga. Ora, Panini, ti domando: perchè chiami lui e gli chiedi di distorcersi?!?! A momenti, vaffanculo, forse anche noi per far dei soldi potevam prendere la commissione sotto gamba (poi c'è modo e modo, ovvio).
Ma all'estero (spero mi confermerai), quando TI chiamano è perchè vogliono TE. O almeno CIRCA TE. Non i tuoi "tempi veloci prezzi bassi", per esempio.

Per onestà: io poi non so com'è andata in Panini.
Ma l'immaginazione corre...

MAiS2 ha detto...

MIODDIO NON HAI IDEA DI QUANTO MI FANNO RODERE FINO AL MIDOLLO QUESTE COSE!!
giuro , non ho mai capito come funziona, come è reso possibile e legale tutto ciò?? cioè, come fà quella a farsi soldi su soldi con qualcosa completamente rubata e non avere nessun problema?? già mi intristisco coi disegni copiati o ricalcati, ma così però proprio da strappargli via la faccia.

nicoz ha detto...

,donna sei stata taggata per un “concorso” sul mio blog!
:) )))